La qualità dell’acqua

I controlli sulla qualità delle acque potabili erogate e di quelle reflue restituite all’ambiente, dopo il processo di depurazione, sono effettuati in modo programmato e costante dalle Società dell’area industriale idrica. Le determinazioni analitiche sulle acque potabili distribuite agli utenti rivestono un ruolo fondamentale per i riflessi sanitari che ne derivano. Una sintesi delle attività svolte in quest’ambito, da tutte le società idriche, è rappresentata nel grafico n. 45.

Grafico n. 45 - CONTROLLI ANALITICI SU ACQUE POTABILI totali e per società (2018)

Grafico 45 - Controlli analitici su acque potabili totali e per società (2018)

A Roma, Le caratteristiche qualitative della risorsa captata e distribuita sono monitorate attraverso indagini in continuo, effettuate con strumentazioni dislocate lungo gli acquedotti e attraverso prelievi giornalieri di campioni alle captazioni e nella rete di distribuzione. In ambito laziale sono presenti aree, in territori di origine vulcanica, dove le acque presentano problemi di potabilità, legati alla fisiologica presenza di alcune sostanze in concentrazioni maggiori rispetto a quelle consentite dalla normativa di riferimento. In questi ambiti, Acea Ato 2, ha compiuto, nel corso degli anni, numerosi interventi finalizzati alla soluzione di tali problematiche, incrementando gli impianti di potabilizzazione in grado di rimuovere le sostanze indesiderate riportandone i valori di concentrazione ben al di sotto dei limiti di legge.
Un’assidua attività di monitoraggio dei parametri chimico/biologici sull’acqua che circola nella rete di distribuzione del sistema idrico, consente di mantenere alto il livello di sicurezza sulla qualità.

Complessivamente circa 359.491 118 determinazioni analitiche nel territorio dell’ATO 2, per un totale di 10.708 campioni, che si sommano a quelle dell’Autorità Sanitaria, sono state effettuate nel corso del 2018 nei Laboratori di Grottarossa – gestiti da Acea Elabori – nel corso del 2018.
I controlli analitici sulle acque e le relative misure vengono svolte anche dalle Società del Gruppo in modo autonomo. La controllata Acea Elabori, accreditata a norma ISO/IEC 17025 esegue e certifica analisi chimico-fisiche e batteriologiche in diverse matrici, tra cui l’acqua (si veda la tabella n.53 per le analisi svolte sulle acque potabili di Roma). Gesesa si avvale invece di due laboratori esterni (si veda il Bilancio Ambientale per i dati di Gesesa ed anche per i dati aggregati).

[118] I dati sulle determinazioni analitiche su acque potabili dal 2018 includono anche analisi su acquedotti acquisiti di recente (Civitavecchia ed altri).

Tabella n. 53 - INDICATORI AMBIENTALI: DETERMINAZIONI ANALITICHE A ROMA (2016-2018) E PARAMETRI DI QUALITÀ DELL’ACQUA POTABILE DISTRIBUITA A ROMA, A FROSINONE E A BENEVENTO (2018)

DETERMINAZIONI ANALITICHE EFFETTUATE DA ACEA ELABORI SU ACQUE POTABILI - RETE STORICA DI ROMA (2016-2018)
area di prelievon. punti di prelievon.campionin. determinazioni analitiche
2018201620172018201620172018
captazione4546942343721.08521.63621.119
acquedotto e adduttrici261581831306.0516.5995.167
serbatoi/centri idrici212481191528.9744.9886306
reti di distribuzione3204.2083.3813.326135.943109.838109.571
totale4125.0834.1064.045173.702143.061142.163
CARATTERISTICHE CHIMICHE E MICROBIOLOGICHE MEDIE DELL’ACQUA POTABILE DISTRIBUITA A ROMA, AI COMUNI DI ACEA ATO 5 E A BENEVENTO (2018)
parametriunità di misuravalore medio - Romavalore medio - Comuni Acea Ato 5Valore medio  - Gesesa (sito Pezzapiana)valore parametrico di legge (D.Lgs. 31/01)
torbiditàNTU<0,50,90,51senza variazioni anomale
temperatura12,713,5esonerati (*)non previsto
concentrazione ioni idrogenounità di pH7,47,37,5>6,5 e < 9,5
conducibilità elettricaµS/cm a 20 °C560595896<2500
clorurimg/l Cl6,65,946,8<250
solfatimg/l SO413,711,3166<250
calciomg/l Ca100,6115,9esonerati (*)non previsto
magnesiomg/l Mg19,017,1esonerati (*)non previsto
sodiomg/l Na4,73,637,0<200
potassiomg/l K2,01,23esonerati (*)non previsto
durezza°F32,93635,6(**)
cloro residuo liberomg/l Cl20,150,190,15(***)
alcalinitàmg/l CaCO3435358esonerati (*)non previsto
residuo fisso calcolatomg/l408426,7612(****)
nitratimg/l NO33,53,837,9<50
nitritimg/l NO2<0,050,1<0,03<0,50
ammoniacamg/l NH4<0,10<0,1esonerati (*)<0,50
fluorurimg/l F0,140,150,5<1,50
bicarbonatimg/l HCO3400463,3esonerati (*)non previsto
carbonio organico totalemg/l C0,580,53esonerati (*)senza variazioni anomale
ferroµg/l Fe11,816,1<20<200
ramemg/l Cu0,0030,00<0,01<1,0
piomboµg/l Pb0,40,32<10
cadmioµg/l Cd<0,2<0,2<2,0<5,0
cromoµg/l Cr<5,0<5,0<2,0<50
nichelµg/l Ni<2,0<0,2<2,0<20
manganeseµg/l Mn0,43,1<2,0<50
arsenicoµg/l As<1,02,9esonerati (*)<10
vanadioµg/l V2,41,7<2,0<140
trialometani totaliµg/l1,00,7<0,9<30
tricloroetileneµg/l<0,10<0,10<1,0<10
tetracloroetilene
1.2 - dicloroetano
(*) In conformità al decreto D. Lgs. n. 31/01 e in accordo con l’ASL, Gesesa è esonerata dal fornire il parametro.(**) Valori consigliati: 15-50 °F - il limite inferiore vale per le acque sottoposte a trattamento di addolcimento o dissalazione.(***) Valore consigliato 0,2 mg/l(****) Valore massimo consigliato: 1.500 mg/l.